Ecco una serie di termini del lessico schermistico.

Alcuni sono per ora semplicemente nominati altri già spiegati.

Giochiamo a completare il Lessico? Inviaci quello che sai sulle voci e, se sarà corretto… lo inseriremo.

Affondo:

       Si tratta della posizione nella quale viene a trovarsi lo schermidore al termine di un’azione di offesa, partendo dalla guardia.

      Comune a tutte e tre le armi: permette allo schermidore di colpire il bersaglio avversario da una distanza superiore a quella del solo allungamento del braccio armato. Con uno slancio della gamba posteriore, il busto viene proteso in avanti mentre il braccio armato si distende.

Assalto:

      Si tratta della libera e ragionata applicazione offensiva, difensiva e contoffensiva attraverso la quale ognuno dei contendenti cerca di prevalere sull’altro.

Battuta:

Botta:

Botta dritta:

     Comune a tutte e tre le armi: è l’azione che permette allo schermidore di colpire il bersaglio avversario col solo prolungamento del braccio o andando in affondo, comunque facendo seguire alla lama una linea diretta per la via più breve verso il bersaglio.

Cavazione:

     Azione comune a tutte e tre le armi, che permette allo schermidore di eludere la parata dell’avversario, facendo girare la propria punta attorno alla lama avversa con un moto a spirale.

Circolata:

Coccia:

Controtempo:

Coupé:

Divisa:

Elsa:

Fendente:

     Nella sola disciplina della Sciabola: colpo portato con il taglio dell’arma, dall’alto verso il basso, spesso lungo una diagonale; più raramente è parallelo al terreno.

Filo:

Finta:

     E’ la simulazione di un colpo, il quale presenta le stesse caratteristiche di un’offesa esclusa la sua conclusione. Lo scopo della finta è di fingere un’azione d’attacco, per indurre l’avversario alla parata così da colpirlo nel punto che viene scoperto.

Flèche:

    O, in italiano, “frecciata”, è un’azione d’attacco che si compie sbilanciando il busto in avanti fino alla quasi totale perdita dell’equilibrio, slanciandosi verso l’avversario per toccarlo e portando poi in avanti la gamba posteriore in una corsa di smorzamento per interrompere lo sbilanciamento del corpo. Se l’avversario non viene toccato e lo schermitore che ha eseguito la frecciata è uscito lateralmente dalla pedana, alla rimessa in guardia deve per regolamento concedere un metro di avanzamento all’avversario. È un movimento proibito nella sciabola in tutte le categorie e a tutte e tre le armi nelle sole categorie inferiori ai Giovanissimi.

Giubbetto elettrico:

Guanto:

Guardia:

Impugnatura:

Invito:

Legamento:

Maschera:

Misura:

      Per misura si intende la distanza che intercorre tra due schermidori in guardia, uno di fronte all’altro.

Parata:

      Presa di ferro: è un’azione molto praticata in tutte le tre armi, che permette di deviare la lama avversaria, per colpire il bersaglio acquisendo il diritto secondo la convenzione (fioretto e sciabola); nella spada, in cui non vige la convenzione, serve comunque a evitare il colpo doppio.

Prima posizione:

Rimessa:

Riporto:

Risposta:

Saluto:

Seconda intenzione:

Trasporto:

       Si ha trasporto quando il passaggio da un legamento ad un altro legamento (dalla seconda alla quanrta e viceversa e dalla prima alla terza e viceversa) avviene senda disgiungere la propria lama da quella avversaria.