Settembre 2018

pubblicato in: Formazione | 0
     1 Settembre.
     Si riparte. Ancora una volta vogliano ripartire da un sogno. Il nostro. Quello di migliorarci sempre.
     Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso…. diceva il cantante poeta. Il lampo in un orecchio, nell’altro il paradiso.
     Sognare il Paradiso è la vera forza di una Società sportiva che vuole far bene, sempre meglio, le cose che propone. Un desiderio che la passione per la Scherma fa crescere ogni giorno nel cuore di tutti noi della Libertas Salò.
     Noi siamo consapevoli di non essere bravi come altre Associazioni. Non abbiamo successi da vantare, né medaglie importanti da esibire. Non ci sono campioni tra i nostri atleti. Ce ne rendiamo conto, nonostante i nostri cinquant’anni, sappiamo di avere tanto da imparare: la storia non sempre è maestra di vita.
    Ma abbiamo un asso nella manica che ci rende ottimisti per il futuro. Abbiamo raccolto l’invito del grande Albert: non cercate di essere persone di successo, cercate di essere persone di Valore! Che la nostre pedane insegnino i valori che rendono felici le persone.
     Questo noi vogliamo per nostri bambini e i nostri ragazzi. Essere persone di valore che vivono la Scherma come momento di educazione umana e sportiva. Per diventare innanzitutto persone migliori che portano sulla pedana la passione per la vita: impugnando un’arma, sotto la maschera, danzando sulla pedana. Vincendo quando ci riescono, sorridendo ugualmente sereni quando l’ultima stoccata fa male.
     I risultati sportivi arriveranno. Forse in un momento inaspettato. Essi saranno figli dei valori importanti coltivati ed espressi dai nostri ragazzi: allenamento per migliorare la tecnica e sviluppare personalità forti forgiate nella fiducia in stessi, nella gestione delle proprie emozioni e nell’impegno verso un obiettivo. Siamo ancora in tempo di semina e non smetteremo di crederci.
    1 Settembre. Ripartiamo.
    Mercoledì 12 apriamo la Sala.
    Poi il 21, 22 e il 23 la Festa Nazionale della Scherma.
    Dicevamo… il lampo in un orecchio, nell’altro il Paradiso.